Visualizzazioni totali

Simply

lunedì 5 ottobre 2015

Dulcis in fundo? Urban Decay Naked3


Aprite il cassetto del makeup. Ma quante palette ci sono? Tante, tantissime, non le finirò mai...eppure avete quella sensazione, quel tarlo in testa che vi fa dire...manca ancora qualcosa. Poi, in giro per il web cercate mille review, siete titubanti, tutte la millantano come un must have e chiedono sbigottite "ma-come-tu-ancora-non-ce-l'hai?"
"Ok", vi dite, "devo averla". La inserite e la togliete dal carrello con fare maniacale quando alla fine...eccolo lì, il 20% di sconto che vi fa pensare...ora o mai più!

Se come me avete vissuto più di una volta questa situazione, potete capire la gioia di aver risolto il dilemma amletico e di aver posato finalmente le grinfie sulla palette dei sogni. Per me è la fasmosissima Naked 3 di Urban Decay.
La palette si presenta con un packaging accattivante, scintillante come oro rosa e con le lettere in rilievo. Dodici le nuance di ombretto, dai colori freddi e rosei, matt e shimmer.
La palette ha un praticissimo specchio e un altrettanto valido doppio pennello, piatto da applicazione e più morbido da sfumatura.
Le colorazioni si avvicendano come fossero i tasti di un pianoforte, e non vedete l'ora di crearne sinfonie.
Vi lascio alcune foto
Blackheart, Darkside, Mugshot, Factory, Liar, Nooner, Trick, Buzz, Limit, Burnout; Dust, Strange

SWATCHES Blackheart, Darkside, Mugshot, Factory, Liar, Nooner, Trick, Buzz, Limit, Burnout; Dust, Strange

SWATCHES  Nooner, Trick, Buzz, Limit, Burnout; Dust, Strange

SWATCHES Buzz, Trick, Nooner, Liar, Factory, Mugshot ,Darkside,Blackheart

Tiriamo le somme. Qualche nota stonata c'è...alcuni ombretti sono polverosi ( Dust e Buzz), i matt non tutti scriventissimi ( Limit è invisibile) e il mio preferito, Blackheart, perde sulla palpebra quei particolarissimi riflessi violacei che aspettavo grandiosi.
Ho provato a creare dei look, tuttosommato belli e intensi ma, per una come me che idolatra la Electric palette dello stesso marchio, risulta a dir poco deludente. D'altronde...chi nasce fluo non può morir nudo!